martedì 23 agosto 2011

MAGLIE UDINESE 2011/2012?


Viste oggi per la prima volta sul sito ufficiale dell'Udinese Calcio, le possibili tre maglie per il prossimo campionato Lega Serie A 2011/2012.
La prima, bianconera, già vista nel corso dell'andata del preliminare di Champions contro l'Arsenal (e prima ancora in un video della Gazzetta dello sport); la seconda, arancione, indossata in un'amichevole estiva; la terza, verde, ancora inedita ma già anticipata nel corso dell'estate.
Ad oggi, purtroppo però, non c'è ancora stata una presentazione ufficiale.

Foto da udinese.it

lunedì 25 luglio 2011

BUONE NOTIZIE PER URSUS


Il Piccolo di oggi dà la notizia che il pontone-gru Ursus, al momento ormeggiato al Molo IV di Trieste e lasciato in un completo stato di abbandono, è destinato a diventare "Bene d'interesse culturale".
Grazie al procedimento, avviato dall'architetto Giangiacomo Martines e che quasi sicuramente gli conferirà l'ambito titolo, il gigante del mare triestino sarà completamente ristrutturato e dichiarato "Monumento nazionale"; tutto questo a spese dello Stato.
Facile prevedere che il pontone diventi una tappa fissa per i numerosi turisti che ogni anno visitano la città, creando così nuove opportunità lavorative per chi vive a Trieste.

lunedì 6 giugno 2011

APPROFONDIMENTO SUI REFERENDUM DEL 12 E 13 GIUGNO


Domani martedì 7 giugno alle ore 18:30, presso il Circolo della Stampa di Trieste, si terrà questo approfondimento sui temi dei referendum del 12 e 13 giugno 2011: AcquaNucleareLegittimo Impedimento.
L'ingresso è liberamente aperto al pubblico.

lunedì 23 maggio 2011

SOSPESA 3a MANIFESTAZIONE POPOLARE A SOSTEGNO DEI VIGILI DEL FUOCO A TRIESTE

"CARI AMICI - LA REGIONE FVG HA DATO SUFFICIENTI GARANZIE - ABBIAMO DECISO DI SOSPENDERE LA MANIFESTAZIONE - SEGUIRA' COMUNICATO STAMPA - GRAZIE A TUTTI."

Questo il breve comunicato ricevuto in serata.
Speriamo che tutto sia andato per il meglio e che le precedenti manifestazioni abbiano portato a una reale soddisfazione delle richieste dei Vigili del Fuoco.

ENERGIA PER TUTTI: DONO GRATUITO O FRUTTO AVVELENATO? ASPETTI TECNOLOGICI, ETICI E COMUNICATIVI


Domani 24 maggio 2011 alle ore 16:00, presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste (Via Tigor, 22), avrà luogo un dibattito sulla situazione energetica attuale e sulle prospettive a medio-lungo termine; si parlerà di sicurezza, di impatto ambientale, di salute, ma anche delle ridotte potenzialità produttive delle fonti alternative per una società sempre più “energivora”.
Interverranno diversi esperti in materia, provenienti da molteplici ambiti.
Tutte le informazioni sul volantino.

3a MANIFESTAZIONE POPOLARE A SOSTEGNO DEI VIGILI DEL FUOCO A TRIESTE


COMUNICATO STAMPA:
SCIOPERO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ADERENTI ALLA UIL: LUNEDÌ 23 MAGGIO ASTENSIONE DAL LAVORO DALLE 10 ALLE 14 PER PROTESTARE CONTRO I TAGLI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE A SCAPITO DELL'OPERATIVITA' DEL SISTEMA PROTEZIONE CIVILE, UN VALORE AGGIUNTO PER IL FVG.

UNA NUOVA MANIFESTAZIONE DI PROTESTA È PREVISTA PER MARTEDÌ 24 MAGGIO ALLE ORE 10 SOTTO IL PALAZZO DELLA REGIONE DI PIAZZA OBERDAN 6 A TRIESTE.

I recenti tagli, per mano dell’assessore regionale all'ambiente, energia e politiche per la montagna, delegato alla protezione civile Luca Ciriani, sulla convenzione tra la Regione FVG ed il Sistema Protezione Civile regionale sono all’origine della protesta della Uil Vigili del Fuoco del Friuli Venezia Giulia che ha proclamato 4 ore di sciopero di categoria su tutto il territorio regionale (dalle ore 10.00 alle 14.00) per lunedì 23 maggio. La stessa sigla sindacale ha poi programmato per martedì 24 maggio alle ore 10 una nuova manifestazione sotto il palazzo del Consiglio Regionale di piazza Oberdan, 6 a Trieste. “Il Friuli Venezia Giulia – spiegano gli esponenti della UIL VV.F. - è stata la prima regione d’Italia a concepire un organo in grado di gestire e prevenire le emergenze sul territorio. La Protezione Civile del FVG, precorrendo i tempi, ha dato corpo ad un'idea dall’alto valore civico, da cui è nata una struttura in grado di gestire capillarmente la sicurezza del territorio. Idea che poi è stata clonata ed è divenuta esempio per l’Italia e per la Comunità Europea. In questo modo il Friuli Venezia Giulia ha dimostrato di essere a pieno titolo una Regione d’Europa. Una riduzione dei finanziamenti non solo va a scapito della formazione del personale volontario iscritto nelle liste del Sistema Protezione, ma causa anche l'interruzione di quel processo che vede una sempre maggior condivisione del territorio tra due gruppi, figli della stessa madre: i Vigili del Fuoco del FVG e la Protezione Civile. Insieme Vigili del Fuoco del FVG e Protezione Civile hanno potuto gestire, sinergicamente, il territorio, proprio grazie a quella convenzione che prevede, tra l’altro, la condivisione delle sale operative in un unico sistema. Con questa azione oggi è stato tolto l'ossigeno necessario proprio alla sopravvivenza di questo organismo modello. I Vigili del Fuoco gestiscono oggi il 95% degli interventi su scala regionale. Possiedono quel know-how, elaborato in oltre 70 anni di storia, necessario alla gestione e allo sviluppo della salvaguardia della vita umana e a una gestione efficace dei rischi per la popolazione e industriali, in linea con i fondamentali principi del rispetto e la tutela dell’ambiente.
I tagli effettuati dalla Regione rappresentano una regressione in quel processo di evoluzione di un sistema che serve soprattutto al garantire l’adeguata preparazione del personale volontario, sempre più coinvolto in eventi critici. La capacità d’intervento professionale unita alla capacità di saper prevenire i grandi rischi è alla base di un'ottimizzazione dei costi su scala regionale. Perché – hanno concluso gli esponenti della UIL Vigili del Fuoco del FVG - per risparmiare è necessario avere la lungimiranza di investire sulla sicurezza”.

giovedì 19 maggio 2011

IL POTERE DEI MEDIA


Continua l'appuntamento con gli interessantissimi incontri organizzati dall'Accademia Ricerche Sociali e questa volta il tema affrontato è "Il potere dei media".
Molti i giornalisti partecipanti all'incontro, tra cui Paolo Possamai, direttore de "Il Piccolo".
Il dibattito si terrà al Circolo della Stampa (Corso Italia, 13 - Trieste), venerdì 20 maggio 2011, alle ore 18:30.
L'ingresso è libero e il pubblico è invitato a intervenire e a esprimere il proprio parere contribuendo attivamente al confronto delle opinioni.
Trovate tutte le informazioni sul volantino.

mercoledì 18 maggio 2011

MANIFESTAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO A TRIESTE


TUTTI AL CONSIGLIO REGIONALE FVG!!!
SECONDA MANIFESTAZIONE REGIONALE UIL VVF FVG.

Giovedì 19 Maggio 2011, ore 10.
Piazza Oberdan, 6. Trieste.

Le problematiche:
  • tagli finanziari
  • incapacita dirigenziale
  • scarsità di uomini e mezzi
  • impianti industriali a rischio fuori controllo
  • Protezione Civile/corruzione politica

PARTECIPATE E DIFFONDETE!


Fonte: uilvvf.fvg.it

martedì 17 maggio 2011

RISTAMPATO "MASCHERE PER UN MASSACRO" DI RUMIZ


Finalmente da domani sarà disponibile nelle librerie la terza ristampa di "Maschere per un massacro", capolavoro di Paolo Rumiz, pubblicato per la prima volta da Editori Riuniti, nel 1996.
Il libro reportage illustra le vicende della tremenda guerra nella ex Jugoslavia, che iniziò nel 1991, smascherandone i molteplici meccanismi e gli strumenti che il sistema politico-economico utilizzò per aumentare il suo consenso, al fine di accrescere il proprio potere e mantenere la leadership.
La nuova edizione, completa di un capitolo contenente i fatti più recenti, è pubblicata da Feltrinelli.

venerdì 22 aprile 2011

IL POTERE DELLA POLITICA


Interessante incontro proposto dall'Accademia Ricerche Sociali su Il Potere della Politica, in programma il 29/04/2011, presso il Circolo della Stampa, in Corso Italia 13, a Trieste.
Il confronto, che inizierà alle 18:00 e durerà fino alle 19:30, vedrà come protagonisti l'onorevole Carlo Monai, l'assessore regionale alle attività produttive FVG Federica Seganti e il consigliere regionale FVG Alessia Rosolen.
Il tema sarà affrontato analizzando il potere della politica come capacità legittimata dal consenso di controllare gli atti dell'esistenza di ciascun individuo. Inoltre, sarà approfondito il concetto di potere della politica su se stessa e sui suoi apparati che la rendono asservita a interessi vertistici e/o di parte.
L'ingresso è libero e il pubblico è invitato a intervenire e a esprimere il proprio parere contribuendo attivamente al confronto delle opinioni.
Trovate tutte le informazioni sul volantino.

venerdì 25 marzo 2011

lunedì 21 marzo 2011

IL MONDO IN PUGNO


Ecco qua alcune foto della mostra "Il mondo in un pugno", che ripercorre quarant'anni di carriera del pugile triestino Nino Benvenuti, e che si tiene a Trieste presso la sala Veruda di Palazzo Costanzi. L'esposizione, inaugurata venerdì scorso, sarà visibile fino a mercoledì 23 marzo; in seguito, il tour dovrebbe continuare nelle altre regioni italiane.
Moltissimi i giornali dell'epoca che testimoniarono i successi e le sconfitte dell'atleta, forse avrei preferito vedere dal vivo qualche cimelio in più: esposti in un paio di bacheche, alcuni trofei, guantoni, paradenti e  fasce utilizzati dal campione.
Nobile, alla pari dell'arte stessa, la motivazione che ha spinto il pugile a progettare questo tipo di manifestazione, volta a raccogliere fondi per aiutare ex pugili colpiti da gravi malattie degenerative.
Una buona iniziativa senza ombra di dubbio, considerando anche l'ingresso gratuito; a mio parere, Trieste potrebbe aiutare eventi simili in modo migliore, dando loro molta più rilevanza e, nel caso particolare, molta più importanza al soggetto della mostra, un campione famosissimo conosciuto in tutto il mondo.
Scarsa la pubblicità, troppo breve la durata dell'evento.







Qua la galleria completa
Fonte: ilmondoinpugno.com
Locandina da ilmondoinpugno.com

venerdì 4 marzo 2011

LELE MORA E L'INGRESSO IN POLITICA


Durante l'ultima puntata di Exit, Lele Mora ha espresso la sua volontà di "scendere in campo" alle prossime elezioni.
Credevo che il livello di mostruosità massima fosse già stato raggiunto.
Sono convinto che il peggio debba ancora arrivare.
Ecco l'estratto della puntata:


e qua un assaggio del suo programma politico:



Foto da movieplayer.it
Video da la7.it e Videocracy

martedì 22 febbraio 2011

DOWN HERE (W/ THE REST OF US)


You work hard now 
To put the food on the table 
You're working for the men 
Who don't even know your name 
That's the way that it goes 
When you're down here with the rest of us 
You might lose now 
Your beautiful children 
Your happy home, yeah 
And your beautiful wife 
That's the way that it goes 
When you're down here with the rest of us 

You'll suffer hard now 
As you bury your loved ones 
You'll suffer hard now 
When you lose your best friend 
That's the way that it goes 
When you're down here with the rest of us 
That's the way that it goes 
And I know how you feel 

No ones immune now 
To a world of problems 
No ones exempt now 
From a world of pain 
That's the way that it goes 
When you're down here with the rest of us 

I try hard now 
To do the right thing 
Yet I wonder 
Why I still do what's wrong 
That's the way that it goes 
When you're down here with the rest of us 
That's the way that it goes 
And I know how you feel

domenica 20 febbraio 2011

LE ATTENZIONI DI BERLUSCONI PER LA FIGLIA DI MENTANA


«Questa è mia figlia, ma è maggiorenne». Una battuta scherzosa ma pungente, che però ha creato un certo imbarazzo. Enrico Mentana l'ha rivolta al premier Silvio Berlusconi in pieno centro a Roma.
INCONTRO CASUALE - Il siparietto nel primo pomeriggio: il direttore del Tg di La 7 ha incrociato per caso il presidente del Consiglio mentre l'auto blindata del Cavaliere stava lasciando la residenza di palazzo Grazioli. Il giornalista era a passeggio per il centro storico della Capitale con i figli e portava la più piccola sulle spalle. Berlusconi lo ha visto, ha fatto fermare il corteo ed è sceso per salutarlo. Larghi sorrisi e strette di mano. Il Cavaliere si è messo subito a scherzare con la piccola: «Ma sei così grande e ancora hai il ciuccio?», le ha detto sorridendo e poi, accorgendosi che aveva in mano degli stuzzicadenti, ha avvertito il padre di fare attenzione. A questo punto Mentana ha presentato al capo del governo anche gli altri figli. Il più grande ha stretto la mano al premier. Poi il direttore ha introdotto anche la figlia più grande, con queste parole: «Anche lei è mia figlia, ma è maggiorenne...». Lo ha detto scherzando e per sottolinearlo ha riso della sua battuta, ma Berlusconi no: anzi, è calato un momento di imbarazzato silenzio che Mentana ha cercato di rompere chiedendo al Cavaliere se fosse diretto ad Arcore. «Sì vado ad Arcore», ha risposto Berlusconi, che per cambiare argomento è tornato a giocare e a scherzare con la figlia più piccola del giornalista.

La notizia è che Berlusconi è tornato a giocare e a scherzare con la figlia più piccola del giornalista.


Fonte: corriere.it
Foto da claudiocaprara.it

domenica 13 febbraio 2011

MERAVIGLIA ROONEY


Uno dei migliori goal di tutti i tempi.
Porta in vantaggio e fa vincere lo United nel derby col Manchester City.
12 febbraio 2011, Old Trafford.



Foto da whoateallthepies.tv

domenica 6 febbraio 2011

ANTONIO DI NATALE: UNA BANDIERA


Oggi Antonio Di Natale festeggia i 100 goal con la maglia dell'Udinese.
Grazie.




Foto da corrieredellosport.it

lunedì 31 gennaio 2011

IL TUNNEL (PARTE 2)


Adesso si trovava piegato in avanti, stremato, con le mani sporche di terra e tese verso il terreno, nell'intento di posizionare perfettamente il pallone sul dischetto del calcio di rigore. 

La partita era quasi giunta al termine e il punteggio rimaneva bloccato sullo 0-0. Questo risultato avrebbe messo in dubbio la qualificazione del Waltersons United alla Competizione Europea; la squadra avrebbe dovuto ottenere una vittoria da questa partita per accedere ai preliminari dell'importante torneo. Inoltre, l'assenza di gol avrebbe decretato l'ennesima sconfitta per Ronnie Taylor, che contava su una sua ottima prestazione, al fine di concludere nel migliore dei modi la propria carriera. Come aveva seriamente deciso. 

L'arbitro aveva da poco comunicato al suo assistente i 2 minuti di recupero assegnati, quando il difensore centrale del North Chanters aveva atterrato il numero 9 del Waltersons, all'interno della propria area. Non c'era alcun dubbio, era calcio di rigore. Proprio mentre l'arbitro indicava il dischetto, un boato assordante si liberò dagli spalti del Waltersons Park. 

Ronnie Taylor si guardò intorno e vide tutti i suoi compagni esultare, mentre il portiere della squadra ospite stava continuando a imprecare contro il suo difensore centrale. Non sapeva cosa pensare, si rese solo conto dell'occasione ottenuta. Per la sua squadra e per se stesso. 

I giocatori corsero in direzione dell'arbitro, protestando. Ma il rigore era sacrosanto. Le immagini in televisione, successivamente, avrebbero confermato il duro intervento del difensore, giustamente punito con un cartellino rosso, ai danni dell'attaccante della squadra di casa. 

Gli attimi conseguenti al fischio dell'arbitro sembravano interminabili, presagio di una durissima decisione del Mister del Waltersons United, in merito alla scelta del tiratore che avrebbe potuto regalare una certezza in più alla qualificazione del Club. Ronnie rimaneva stordito, attento a osservare, uno per uno, le migliaia di volti sugli spalti, tutti nel delirio più completo, increduli e allo stesso tempo eccitati per l'occasione ottenuta. 

Il giovane e promettente numero 10 della squadra giallo-blu, rivelazione di questo campionato, prese immediatamente in mano il pallone e si diresse verso il dischetto degli undici metri, sicuro di riuscire a mettere a segno l'ennesima rete della stagione, assicurando così al Waltersons l'ingresso nella storia del calcio internazionale. 

Ronnie Taylor, anche se d'accordo con questa decisione, non poté non pensare a come sarebbe stato se avessero incaricato lui di battere il calcio di rigore. Sarebbe stato il perfetto riscatto di una carriera iniziata con i migliori auspici, ma andata un po' a spegnersi negli ultimi anni, a causa di una vita di eccessi; il definitivo sigillo a conclusione di un percorso difficile, ma terminato nel migliore dei modi, con la qualificazione alla Competizione Internazionale. Un obiettivo raggiunto. 

Da persona leale quale era, digerì la scelta e incoraggiò il suo giovane compagno di squadra, pensando così al bene della squadra. La stessa squadra che aveva contato su di lui per anni e che l'aveva sempre sostenuto, nel bene e nel male. Il Club che condivideva i suoi stessi ideali e che, nel corso degli anni, lo aveva convinto ogni volta a rimanere, facendo così aumentare la stima, la fiducia e l'ammirazione reciproche tra lui e i tifosi. 

Anche perché, quest'ultima partita non era stata giocata a livelli altissimi: Ronnie Taylor era risultato un po' discontinuo. Nel corso dei 90 minuti, c'erano stati un paio di deboli tiri in porta, qualche modesto uno-due, ma molti scatti sulla sua fascia sinistra e numerosi durissimi contrasti. Proprio così, la sua qualità più importante. Era un uomo di fatica e dove non riusciva la tecnica, subentravano la tenacia e l'orgoglio. 

Inoltre, la famosa ala sinistra non era di certo conosciuta per la capacità di battere i calci di rigore. Nel corso degli anni, c'era stata qualche occasione; qualche volta la palla era finita in rete, qualche altra era stata ribattuta dal portiere, aveva colpito il palo o era terminata a fondo campo. Di certo non era diventato famoso per le sue realizzazioni dagli 11 metri. 

Ronnie Taylor rivolse lo sguardo al suo compagno e al portiere avversario, uno di fronte all'altro, proprio mentre il suo Mister gli diede l'ordine di battere il calcio di rigore. Lui non capì e, per un attimo, non volle credere a quello che stava sentendo. 

Il boato dagli spalti si fece ancora più assordante non appena i tifosi capirono i gesti dell'allenatore e le migliaia di volti iniziarono a gridare a gran voce il suo nome. Il giovane numero 10 si girò e, col pallone tra le mani, gli andò incontro, sorridendo. Gli si avvicinò, gli passò la palla e lo abbracciò. 

A quel punto, Ronnie Taylor si rese conto dell'irripetibile possibilità concessagli. Ancora stordito, guardò il pallone stretto tra le mani e, lentamente, si diresse verso il dischetto bianco, all'interno dell'area avversaria, mentre l'arbitro stava attendendo col fischietto stretto tra le labbra. 

Dopo aver trovato la perfetta posizione del pallone, si rialzò e guardò negli occhi il portiere avversario che, saldamente ancorato alla linea di porta, tentava di distrarlo con dei regolari movimenti delle braccia e delle gambe, sicuro di neutralizzare il tiro che avrebbe potuto decretare la sconfitta del North Chanters. 

Fece qualche passo indietro per prendere la rincorsa e, passandosi la mano sulla fronte, ripensò all'opportunità che aveva nei suoi piedi. Il momento era arrivato e l'occasione non doveva essere sprecata. Ronnie Taylor doveva dimostrare a tutti, squadra, tifosi, avversari, famiglia, ma soprattutto a se stesso, che era ancora in grado di fare la differenza. Di essere qualcuno. 

E proprio quel pensiero fu interrotto dal perentorio fischio dell'arbitro.

venerdì 21 gennaio 2011

BRUCE SPRINGSTEEN COLLABORA CON I DROPKICK MURPHYS


Il Boss sarà ospite nel nuovo disco dei Dropkick Murphys, Going Out On Style.
Insieme a Ken Casey, storico bassista del gruppo di Boston, Springsteen duetterà nella reinterpretazione del famoso brano Peggy O' My Heart, del 1913, scritto da Alfred Bryan e Fred Fisher.
Non è la prima volta che si sente parlare di una collaborazione tra questi artisti; nel 2009, Casey partecipò alla versione di American Land durante un live del Boss a Boston, e su Youtube si possono vedere alcuni filmati dei Dropkick Murphys che coverizzano brani come Badlands o Born In The Usa.
In passato, Springsteen partecipò al disco da solista di Mike Ness (Social Distortion), Cheating At Solitaire, e recentemente ha collaborato anche con i Gaslight Anthem.
Ken Casey ha dichiarato che questo duetto unisce due generazioni che, pur essendo appunto diverse, condividono una musica che parla delle medesime tematiche, delle stesse storie, degli identici valori.
Il nuovo disco, contenente 13 brani, sarà disponibile dal 1 marzo 2011.
Già pubblicate, sul sito ufficiale, le date del tour europeo del gruppo di Boston; una sola prevista per l'Italia, il 26 aprile 2011, all'Alcatraz di Milano.


Fonte: telegraph.co.uk

lunedì 3 gennaio 2011

CASA NATALE DI RINGO STARR A RISCHIO DEMOLIZIONE


La casa natale di Ringo Starr, al numero 9 di Madryn Street, a Liverpool, rischia di essere abbattuta a causa di un piano edilizio che prevede la demolizione e la riqualificazione dell'intero quartiere.
Ringo visse in quella casa solo per tre mesi, poi l'intera famiglia si trasferì.
Oggi la casa è disabitata e giudicata irrecuperabile dal governo; però un gruppo organizzato di cittadini ha fondato l'associazione Save Madryn Street, protestando contro il provvedimento di demolizione, e a quanto pare lo stesso governo ha fermato le ruspe, almeno momentaneamente.
Qua potete trovare tutte le informazioni riguardo all'associazione e alla possibilità di esprimere la vostra opinione, firmando una petizione on line.
La speranza è che lo stesso Ringo o qualche finanziatore privato possa investire economicamente sull'abitazione, nella speranza di trasformarla in museo.



Fonte: mentelocale.it
Foto da repubblica.it
Video da it.euronews.net